Esami di stato

ESAMI DI STATO


OM_ESAMI_STATO scarica
TABELLE_CREDITO_ESAMI_STATO scarica
GRIGLIA_COLLOQUIO scarica
MATERIE CARATTERIZZANTI OGGETTO DELL'ELABORATO DELL'ESAME DI STATO - TECNICI  scarica
MATERIE CARATTERIZZANTI OGGETTO DELL'ELABORATO DELL'ESAME DI STATO - LICEI  scarica
PROTOCOLLO SICUREZZA scarica
PROTOCOLLO DI SICUREZZA ANTICONTAGIO COVID Integrazione al DVR di Istituto  scarica
MATERIE CARATTERIZZANTI OGGETTO DELL'ELABORATO DELL'ESAME DI STATO
 
INDIRIZZO: ITAF AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING
ECONOMIA AZIENDALE I072 N730
 
INDIRIZZO: ITSI AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING ART. "SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI"
ECONOMIA AZIENDALE I072 N730
INFORMATICA I044 N967
 
INDIRIZZO: IT04 TURISMO
DISCIPLINE TURISTICHE E AZIENDALI I120 N024
LINGUA INGLESE I028 N460
 
INDIRIZZO: IT15 GRAFICA E COMUNICAZIONE
PROGETTAZIONE MULTIMEDIALE I166 N606
LABORATORI TECNICI I145 N609
 
INDIRIZZO: ITCA COSTRUZIONI, AMBIENTE E TERRITORIO
PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI I167 N993
GEOPEDOLOGIA, ECONOMIA ED ESTIMO I138 N094
 

INDIRIZZO: LI10 LICEO ARTISTICO INDIRIZZO "GRAFICA"
DISCIPLINE GRAFICHE I114 N704


Ammissione agli esami di Stato
L’ammissione dei candidati sarà disposta, in sede di scrutinio finale, dal Consiglio di classe. La partecipazione alle prove nazionali Invalsi non sarà requisito di accesso e saranno le istituzioni scolastiche a stabilire eventuali deroghe al requisito della frequenza, previsto per i tre quarti dell’orario individuale. Si deroga anche al monte orario previsto per i Percorsi per le competenze trasversali e l’orientamento, che non rappresenta, anch’esso, un requisito di accesso.
 
Credito Scolastico
Il credito scolastico è attribuito fino a un massimo di sessanta punti, di cui diciotto per la classe terza, venti per la classe quarta e ventidue per la classe quinta. Il consiglio di classe, in sede di scrutinio finale, provvede alla conversione del credito scolastico attribuito al termine della classe terza e della classe quarta e all’attribuzione del credito scolastico per la classe quinta sulla base rispettivamente delle tabelle A, B e C di cui all’allegato A all’OM.
Per i candidati interni che non siano in possesso di credito scolastico per la classe terza o per la classe quarta, in sede di scrutinio finale della classe quinta il consiglio di classe attribuisce il credito sulla base della tabella D.
 
Per i candidati dei percorsi di istruzione per gli adulti di secondo livello, il credito scolastico è attribuito con le seguenti modalità:
a) in sede di scrutinio finale il consiglio di classe attribuisce il punteggio per il credito scolastico maturato nel secondo e nel terzo periodo didattico;
b) il credito maturato nel secondo periodo didattico è attribuito sulla base della media dei voti assegnati e delle correlate fasce di credito relative alla classe quarta di cui alla tabella B dell’Allegato A della presente ordinanza; a tal fine, il credito è convertito moltiplicando per tre il punteggio attribuito sulla base della seconda colonna della suddetta tabella e assegnato allo studente in misura, comunque, non superiore a 38 punti.
c) il credito maturato nel terzo periodo didattico è attribuito sulla base della media dei voti assegnati, ai sensi della tabella C all’allegato A alla presente ordinanza, in misura non superiore a 22 punti.
 
Insediamento della commissione
Il presidente e i commissari delle due classi (6 docenti interni per ogni classe) abbinate si riuniscono in seduta plenaria presso l’istituto di assegnazione il 14 giugno 2021 alle ore 8:30.
Nella seduta preliminare si verifica, per sottocommissione (ovvero per singola classe), la completezza della documentazione (elenco candidati, fascicoli degli allievi, verbali del percorso scolastico e verbali dello scrutinio finale, documento del consiglio di classe; eventuale documentazione per studenti con disabilità o con DSA) e si definiscono le modalità di conduzione del colloquio, i criteri per l’eventuale attribuzione del punteggio integrativo, i criteri per l’attribuzione della lode,
 
Prova d’esame
La sessione dell’esame di Stato ha inizio il giorno 16 giugno 2021 alle ore 8:30.
a. Per il 2020/21 l’esame consiste in un colloquio di 60 minuti articolato in quattro parti, la cui valutazione potrà valere fino a 40 punti:
  1. Discussione di un elaborato concernente le discipline di indirizzo (quelle individuate negli allegati C1, C2), in una tipologia e forma ad esse coerente, integrato, in una prospettiva multidisciplinare, dagli apporti di altre discipline o competenze individuali presenti nel curriculum dello studente, e dell’esperienza di PCTO svolta durante il percorso di studi. L'argomento verrà assegnato a ciascun candidato dai docenti entro il 30 aprile 2021.  Il consiglio di classe provvede altresì all’indicazione, tra tutti i membri designati per far parte delle sottocommissioni, di docenti di riferimento per l’elaborato, a ciascuno dei quali è assegnato un gruppo di studenti. L’elaborato è trasmesso dal candidato al docente di riferimento per posta elettronica entro il 31 di maggio, includendo in copia anche l’indirizzo di posta elettronica istituzionale della scuola o di altra casella mail dedicata. Nell’eventualità che il candidato non provveda alla trasmissione dell’elaborato, la discussione si svolge comunque in relazione all’argomento assegnato, e della mancata trasmissione si tiene conto in sede di valutazione della prova d’esame.
  2. Discussione di un breve testo oggetto di studio nell’ambito dell’insegnamento di lingua e letteratura italiana durante il quinto anno e ricompreso nel documento del consiglio di classe.
  3. Analisi, da parte del candidato, del materiale scelto dalla commissione prima di ogni giornata di colloquio, per favorire la trattazione delle altre discipline e costituito da un testo, un documento, un’esperienza, un progetto, un problema. Il materiale deve essere finalizzato a favorire la trattazione dei nodi concettuali caratterizzanti le diverse discipline e del loro rapporto interdisciplinare, sulla base del percorso effettivamente svolto, in coerenza con il documento di ciascun consiglio di classe.
  4. Esposizione da parte del candidato, mediante una breve relazione o un elaborato multimediale, dell’esperienza di PCTO svolta nel corso del percorso di studi, solo nel caso in cui non sia possibile ricomprendere tale esperienza all’interno dell’elaborato di cui alla lettera a).
Per quanto concerne le conoscenze e le competenze della disciplina non linguistica (DNL) veicolata in lingua straniera attraverso la metodologia CLIL, il colloquio può accertarle qualora il docente della disciplina coinvolta faccia parte della Commissione di esame.
 
b. Nei percorsi di secondo livello dell’istruzione per adulti, il colloquio si svolge secondo le modalità sopra richiamate, con le seguenti precisazioni:
  1. i candidati, il cui percorso di studio personalizzato (PSP), definito nell’ambito del patto formativo individuale (PFI), prevede, nel terzo periodo didattico, l’esonero dalla frequenza di unità di apprendimento (UDA) riconducibili a intere discipline, possono – a richiesta – essere esonerati dall’esame su tali discipline nell’ambito del colloquio. Nel colloquio, pertanto, la commissione propone al candidato di analizzare testi, documenti, esperienze, progetti e problemi per verificare l’acquisizione dei contenuti e dei metodi propri delle singole discipline previste dal suddetto percorso di studio personalizzato;
  2. per i candidati che non hanno svolto i PCTO, la parte del colloquio a essi dedicata è condotta in modo da valorizzare il patrimonio culturale della persona a partire dalla sua storia professionale e individuale, quale emerge dal patto formativo individuale, e da favorire una rilettura biografica del percorso anche nella prospettiva dell’apprendimento permanente.